Il “Maestro” dell’antica arte delle Ombre Cinesi: Carlo Truzzi.

28 03 2012

E’ italianissimo il più alto esponente mondiale di  questa antica forma d’arte cinese. Ovviamente quella di Carlo Truzzi è una forma evoluta, anzi, molto evoluta. Si narra infatti che le ombre cinesi nacquero  tra il 140 e l’85 a.C. e si trattava di una forma di intrattenimento itinerante paragonabile al nostro teatro delle marionette. Gli spettatori avevano davanti un telo bianco semitrasparente sul quale, da dietro, veniva proiettata una luce bianca. A questo punto venivano mosse delle sagome di legno alle quali gli attori davano voce e dimensioni allontanandosi o avvicinandosi proiettandone di fatto l’ombra. Si passò poi a creare con le soli mani alcune sagome di animali. Nel 1990 il nostro Carlo Truzzi e la sua compagna Simona rivoluzionano l’arte delle ombre cinesi partecipando con un successo strepitoso  alla trasmissione televisiva “Gran Premio”, condotta da Pippo Baudo su Rai 1. I due giovani talenti si resero protagonisti di una performance che per la prima volta andava ben oltre, andando a riprodurre i profili di personaggi famosi in tutto il mondo, dalle stelle della musica ai campioni dello sport, dai politici agli esponenti della cultura. Il loro fu un trionfo:  pensate che la loro esibizione toccò un picco di 11 milioni di telespettatori. Da quel momento hanno portato la loro arte in tutto il Mondo. Fare un elenco di tutte le loro tappe sarebbe troppo lungo, ma basti dire che si sono esibiti al fianco di nomi come Phil Collins, Paco de Lucia, Cèline Dion ecc.

Ora vi lascio a questo video che mostra tutta la loro bravura…

 

 

Annunci