Cinema da vedere e quasi da toccare.

2 07 2009

SE_cinema3D

Ero bambino… e ricordo mia madre raccontarmi di quel cinema “strano” nel quale le immagini e gli oggetti sembravano schizzare fuori dallo schermo e investire la platea.

“La gente aveva paura… e così smisero di fabbricare quelle pellicole”.
Io restavo sulle sue ginocchia, la bocca spalancata, la mente di bambino che immaginava scene paurose, magari di automobili o treni che uscendo dal grande fondale del cinema seminavano il panico fra gli spettatori.

Ho sempre ricordato quei racconti, certamente deformati dai ricami della mia fantasia, e quando- pochi mesi fa- sono andato a vedere per la prima volta un film in 3d… beh, un po’ di quell’incanto si è rotto.
Certo, gli effetti sono notevoli, in qualche caso pare davvero che un oggetto esca dallo schermo e arrivi sopra le teste, un paio di file davanti a noi… è lì, sospeso, che viene istintivo tendere la mano e provare a toccarlo.
Ma di certo nulla è così impressionante come nella traduzione di quei racconti, e nulla spaventa davvero il pubblico che affolla il cinema. Sarà forse per questo che il 3d è “tornato”, e anzi sta prendendo piede velocemente tanto da riguardare molte delle ultime pellicole giunte nelle sale.
Per chi come me abita a Vimercate o comunque nella zona di Monza e fosse interessato a vivere questa esperienza (a mio parere molto divertente, soprattutto se il film è un cartoon) può trovare una sala dedicata al tridimensionale all’interno dell’ UCI Cinemas del Bicocca Village di Milano. E buona visione!

Annunci